Kaleidoscope Srl
Kaleidoscope Srl
Social Media

Mashable Social Media Day: cosa ci portiamo a casa

Kaleidoscope Web Agency / 27 October 2016

Il 21 e 22 ottobre 2016 abbiamo partecipato al Mashable Social Media Day, una delle manifestazioni più importanti del mondo digital per capire le dinamiche, le potenzialità e l’impatto dei social network. L’evento ufficiale italiano, quest’anno alla sua terza edizione, prevedeva due giorni di aggiornamenti e formazione, ai quali abbiamo preso parte con grande curiosità ed entusiasmo.

msdayit

I vari speech erano tutti finalizzati a raccontare i social nel contesto contemporaneo, attraverso l’illustrazione di strategie concrete e case study di successo. Alcuni esempi?

Giuseppe Brugnone, Digital e Social Media Manager di LEGO Italia, ha fatto un ritratto accurato delle sfide che ogni giorno l’azienda si trova ad affrontare, per “raccontare storie nel mondo digitale con dei mattoncini”. Come creare qualcosa di nuovo? Con un presidio social e una search strategy focalizzata sulla costruzione di relazioni.

Davide Basile, invece, ha presentato il caso Original Marines: un sistema retail che è riuscito a integrare il digital con il digitale. Una digital experience coerente (sito, social network, applicazioni mobile) mixata con la promozione e la vendita sul digitale, attraverso tecniche di gamification e altre strategie, hanno permesso di creare un consumer engagement di successo. Come ha spiegato Basile «l’esperienza è al centro di tutto. Un cliente è un cliente, qualsiasi sia il punto di accesso da cui arriva»: una riflessione in piena ottica omnicanale.

Dario Vignali, blogger e web marketer, ha spiegato come fare business con il proprio personal branding.

dariovignali
Come vendere bene se stessi e creare empatia negli altri? Prima di tutto con la condivisione. Di valori, di esperienze, di interessi, di stima, di ambizioni e di ecosistema. Ovviamente per raccontarsi serve una piattaforma in cui raccogliere l’audience, dove creare e dare visibilità ai contenuti.

Questo, però, è solo un assaggio di quello che ci hanno rivelato.
Dopo questa due giorni di full immersion nel digitale possiamo riassumere in queste 5 keyword fondamentali quello che, secondo noi, rende grande un gruppo di lavoro, quello che le rende una squadra vincente.

  • Partecipazione/coinvolgimento: ascolto ed empatia sono fondamentali per imparare dagli altri, perché ci aiutano a perfezionare le idee circa la realizzazione di un progetto.
  • Programmazione: il lavoro va pianificato e condiviso con il team e il cliente. Una totale condivisione della strategia e una forte collaborazione sono fondamentali per il raggiungimento dei risultati.
  • Ottimizzazione: con una buona programmazione è possibile ottimizzare alcune lavorazioni e avere materiale per coprire il medio-lungo periodo di lavoro.
  • Dati/numeri: come ci ha insegnato la bravissima Alessia Musi, Excel «può essere un grande amico, certo non vi porterà a cena fuori, ma sarà in grado di parlarvi… con i numeri». Lo studio dei dati è fondamentale per comprendere quello che succede intorno a noi (nella vita reale, sui social, ecc): leggere la realtà attraverso i numeri ci permette di perfezionare, anche in corsa, la nostra strategia.
  • Empatia/autenticità: non sono “ingredienti tecnici”, ma sono caratteristiche che rendono le persone cooperative e autentiche. Mostrarsi come si è permette agli altri di avvicinarsi a te e di conoscerti per come sei realmente.

Chiudiamo questo nostro report di viaggio con una considerazione di Marco Montemagno

montemagno-smdayit

Vale tutto, ogni idea è buona, ma la cosa importante è fare!

Sicuramente per fare non ci vuole molto, in termini di strumenti, ma per farlo bene ci vuole tempo!

Prenditi il tempo necessario e qualunque sia la tua idea, teoria, progetto, mettila in pratica, rilasciala, misura e perfeziona.

 
I cookies ci permettono di migliorare la tua esperienza utente. Continuando a navigare su questo sito accetti il loro impiego. OK MAGGIORI INFO